5 Modi per aiutare i bambini che soffrono di ansia

I bambini possono avere paura, essere preoccupati e in ansia in diversi momenti della loro vita ed è naturale che i genitori vogliono aiutarli a superare questi momenti. Ogni genitore desidera vedere il proprio bambino crescere e diventare una persona felice e sicura di se.

L’ansia è una spiacevole sensazione di nervosismo e disagio di cui sia i bambini che gli adulti fanno esperienza normalmente nella vita. Ad esempio, molte persone si sentono a disagio quando si trovano in situazioni non familiari, come una festa con tanti ospiti o iniziare un nuovo lavoro. Sperimentare questi sentimenti in piccole quantità può essere utile in quanto ci fa riflettere sulle nostre azioni per cercare di fare una buona impressione.

Tuttavia, alcuni bambini e adulti soffrono di ansia estrema e vivono livelli di stress enorme in situazioni nuove o momenti di incertezza. In questi casi cercare il supporto di un professionista della salute mentale, come ad esempio uno psicologo, può essere utile per imparare ad affrontare e gestire i sintomi di ansia.

Per insegnare al vostro bambino a sentirsi più sicuro potete iniziare aiutandoli in cinque modi semplici:

1. Dare una piccola quantità di informazioni adeguate all’età può aiutare il bambino a sentirsi meglio. Ad esempio, se il vostro bambino ha paura dei temporali potete insegnargli in termini semplici che non c’è nulla di cui aver paura spiegando che le nuvole si strusciano tra di loro facendo rumore, proprio come quando accartocciamo la carta. “Non possiamo essere feriti, mentre siamo in casa. E’ solo rumore”.

2. Incoraggiare il bambino a far fronte alle proprie paure. Evitare situazioni che sono pericolose sposta solo il problema. Evitare insegna che non si è al sicuro e che bisogna prendere le distanze. Invece, è importante a poco a poco incoraggiare il bambino a confrontarsi con situazioni di cui ha paura in modo da imparare a sentirsi più sicuro e in grado di affrontare il proprio disagio. Ad esempio, se il vostro bambino ha paura dei cani potreste per prima cosa mostrargli alcune foto di cani amichevoli. Poi potreste cercare insieme alcuni video e visitare negozi di animali per vedere i cuccioli dietro il vetro. Alla fine potete fargli vivere una esperienza concreta con un cane, ma sempre e solo quando sarete in grado di costruire una situazione in cui il bambino si senta sicuro. 

3. Lodate il vostro bambino ogni volta che manifesterà di essere coraggioso in una situazione per lui difficile. Siate espliciti e mostrate loro le emozioni che provate in modo che sappiano quanto è importante quello che hanno fatto. “Bravo! Sono così orgoglioso di te che hai parlato di fronte alla tua classe. Questa è una cosa difficile da fare, ma tu lo hai fatto comunque”. Questo dà al bambino risposte importanti e lo incoraggia a continuare.

4. Condividete i pensieri utili che a volte utilizzate per alleggerirvi dalle preoccupazioni. Mostrare direttamente al proprio bambino che può essere utilizzato un dialogo con se stessi per far fronte alle difficoltà della vita quotidiana lo aiuterà nell’imparare ad utilizzarlo. Verbalizzate le vostre strategie per fronteggiare l’ansia e verranno assorbite come una spugna. Per esempio: “Ero un po’ nervoso per il mio incontro oggi, ma ho pensato – lo posso fare e sono bravo nel mio lavoro! – Mi sono sentito molto meglio dopo”.

5. Insegnate al vostro bambino come rassicurare se stesso, piuttosto che fare sempre affidamento su di voi. A volte i bambini cercano attivamente una rassicurazione per la stessa cosa più e più volte. Se notate che vostro figlo è preoccupato e vi pone le stesse domande, potrebbe essere più efficace insegnargli ad auto-rassicurarsi. Ad esempio, se il bambino spesso si preoccupa che non si tornerà a prenderlo alla fine della mattina e se chiede sempre di confermare se si andrà a prenderlo dopo la scuola potreste dire: “Ti ricordi ne abbiamo parlato ieri. Che cosa ti ho risposto? ». Dovete ottenere che vostro figlio identifichi quello che avete detto il giorno prima e che lo ripeta a se stesso. Per esempio: “Mamma arriva sempre a prendermi. Non mi lascerebbe mai a scuola”. Utilizzare immagini e storie illustrate può rafforzare queste idee. In questo modo si aiuta il bambino ad usare un dialogo positivo con se stesso che lo rende più autonomo nel far fronte alle difficoltà e alle preoccupazioni.

Are You Coping Concept
Se vostro figlio è alle prese con l’ansia potete telefonarci al 338 3944608 ed il Centro P.O.P sarà lieto di aiutarvi.

Fallo sapere in giro

Da non perdere