Ambulatorio ADHD

Perché un ambulatorio per il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività?
 
L’ambulatorio ADHD è nato dall’esigenza di rispondere alla richiesta territoriale (scuola, famiglia, medici di base) di assistenza per tutti quei casi in cui vengano manifestate, da bambini e adolescenti, problematiche riguardanti difficoltà attentive e/o di iperattività e impulsività.
 
 
Chi siamo
 
L’ambulatorio è costituito da più figure professionali che lavorano in sinergia integrando le loro competenze: un neuropsichiatra infantile; 2 psicologipsicoterapeuti ad indirizzo cognitivocostruttivista ed una psicologapsicoterapeuta ad indirizzo cognitvocomportamentale; 2 logopediste; una terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva ed una pedagosista clinico.
 
 
Metodologia di lavoro
 
Le famiglie fanno direttamente richiesta, spesso su invio dei pediatri e/o della scuola, per una prima valutazione per sospetto di ADHD.
L’attività si articola in più fasi:
 
•la fase della raccolta anamnestica avviene con la presenza del neuropsichiatra o dello psicologo, la coppia genitoriale ed il minore;
 
•successivamente (all’interno della stessa visita), avviene una valutazione medico-psichiatrica, volta ad indagare l’eventuale presenza di patologie organiche, in particolare neurologiche;
 
• in una terza fase viene attuata una parallela valutazione dell’area neuropsicologica ed affettivo-relazionale del bambino mediante test standardizzati e colloquio clinico, al fine di ottenere un quadro d’insieme e per individuare la presenza di eventuali comorbidità;
 
• alla logopedista giungono i bambini inviati dagli psicologi e dal neuropsichiatra infantile con difficoltà scolastiche. Il compito è quello di differenziare se trattasi di difficoltà o disturbo specifico di apprendimento. La valutazione avviene somministrando una batteria di test standardizzati che vanno ad indagare le aree della lettura, della scrittura e del calcolo. E’ possibile effettuare un ulteriore approfondimento, se ritenuto necessario, volto ad indagare alcune abilità nell’ambito linguistico;
 
• al termine della valutazione psicodiagnostica vi è la restituzione alla famiglia ed alla scuola, la stesura di una relazione clinica che descrive le problematiche emerse e la condivisione di un progetto riabilitativo, laddove risulti necessario, per il quale possono essere coinvolte anche la terapista della neuro e psicomotricità e la pedagosista clinica oltre alle altre figure professionali sopra descritte.
 
 
Schermata 2018-08-12 alle 15.49.42
 
 
Conclusioni
 
La lettura dei risultati derivanti dai diversi test qualitativi e quantitativi ci permette di tracciare un profilo clinico del soggetto sia dal punto di vista emotivo-affettivo sia cognitivo-comportamentale che, non solo conferma o meno la diagnosi di ADHD, ma colloca il disturbo all’interno di un funzionamento personale, relazionale e sociale diverso per ogni bambino che si presenta nell’ambulatorio.
 
Questa nostra organizzazione facilita una miglior individuazione di eventuali diagnosi di patologie in comorbidità e ci orienta quindi alla modalità più idonea di intervento. Tale indagine valutativa, sebbene possa apparire lunga e complessa, parte dalla considerazione che ogni bambino o adolescente con ADHD, è prima di tutto un individuo con una sua specificità, non generalizzabile.
 
 
Il Centro P.O.P. è anche sede dello sportello informativo-orientativo gratuito A.I.D.A.I. della Provincia di Livorno. Per qualsiasi necessità contattate la referente Gabriella Guarnieri al seguente numero di telefono +39 334 887 7798 o scrivete all’indirizzo email guarnierigabriella@gmail.com.
 
 

Fallo sapere in giro

Da non perdere