Che cos’è la “working memory” ?

Immagina questo: stai organizzando una festa e chiedi a tuo figlio di aiutarlo a organizzare. Le istruzioni che gli hai dato sembrano abbastanza semplici: metti i tuoi giocattoli nella tua stanza, sposta le scarpe nell’armadio e prepara il tavolo. Lui è d’accordo, ma quando vai a controllarlo più tardi, il tavolo non è pronto, le sue scarpe sono ancora nel corridoio e ha messo i giocattoli … nell’armadio.

Cosa sta succedendo?

I bambini che hanno questo tipo di difficoltà potrebbero avere problemi con la memoria di lavoro, che è una funzione esecutiva che svolge un ruolo importante nel modo in cui elaboriamo, usiamo e ricordiamo le informazioni su base giornaliera. Ricordare un numero di telefono, ricordare le indicazioni, ricordare come usare la grammatica e la struttura, scrivere un tema e applicare una formula matematica sono tutti compiti mentali che usano la memoria di lavoro.

La memoria di lavoro è una sorta di categoria al di sopra dell’attenzione. Tieni a mente tutto ciò che devi tenere a mente mentre fai qualcosa. Mentre i ricordi a lungo termine rimangono con noi anche quando non stiamo pensando a loro, la memoria di lavoro è un processo attivo – un blocco di schizzi mentale in cui conservare e elaborare tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno in qualsiasi momento.

Uno spazio di lavoro limitato
Ma cosa succede quando il “blocco di schizzi” si sovraccarica?

Il nostro cervello ha una capacità limitata nel destreggiarsi tra un sacco di informazioni. Possiamo aiutarci a capire il ruolo della memoria di lavoro descrivendolo come un tavolo. Uno spazio di lavoro cognitivo. Quando hai molte nuove informazioni è facile sovraccaricare il tuo spazio cognitivo e le cose iniziano a cadere.

Quando ai bambini con problemi di memoria di lavoro viene chiesto di svolgere un nuovo compito e pensare a cinque regole su come l’attività dovrebbe essere fatta, spesso non riescono. Non possono tenere in mente entrambi i gruppi di informazione in una sola volta. Finiscono per svolgere il compito, ma fanno molti errori lungo la strada – o completano solo metà del compito – perché non sono in grado di tenere a mente cosa devono fare, cosa viene dopo e le regole su come deve essere svolto il compito tutto in una volta.

Disturbi dell’apprendimento e memoria di lavoro
Tutti a volte si scontrano con i limiti della memoria di lavoro, dimenticando un oggetto da una lista della spesa o disegnando uno spazio vuoto quando si tenta di ricordare le regole di un nuovo gioco. Ma per i bambini con disturbi dell’apprendimento (learning disabilities – LD), la memoria di lavoro rappresenta spesso un problema più significativo.

I bambini con LD hanno una minore capacità di memoria di lavoro perché adeguarsi alle difficoltà che si presentano con i LD – come dislessia, disturbo dell’apprendimento non verbale o problemi di elaborazione uditiva – occupa una considerevole quantità di “spazio cognitivo”.

Questo perché hanno bisogno di affrontare consapevolmente ed eseguire processi che gli altri bambini fanno automaticamente. Per esempio:

Se un bambino ha problemi di elaborazione uditiva, deve lavorare molto più duramente per ascoltare, ricordare e applicare ciò che viene detto in classe.
Un bambino con un disturbo dell’apprendimento non verbale deve lavorare attivamente per interpretare e rispondere appropriatamente a stimoli sociali – come espressioni facciali, sarcasmo e implicazioni – un processo che è naturale per la maggior parte dei bambini.
Questo lavoro extra significa più confusione sulla “tavola”, che lascia meno spazio per nuove informazioni e spesso si traduce in una più lenta velocità di elaborazione complessiva.

ADHD e memoria di lavoro
I bambini con ADHD possono “lottare” con la memoria di lavoro, che è una delle funzioni esecutive principali – le abilità mentali responsabili per aiutarci a rimanere organizzati, fissare obiettivi e completarli. I punti deboli nelle funzioni esecutive sono ciò che rende i bambini con ADHD inclini a essere disorganizzati e disattenti. Come i disturbi dell’apprendimento, i bambini con ADHD devono lavorare attivamente per rimanere concentrati e organizzati – cose che tendono ad essere automatizzate per gli altri bambini.

Ad esempio, tenere a mente regole o principi guida è più difficile per i bambini con ADHD che hanno già difficoltà a risolvere le distrazioni. Potrebbero essere distrazioni esterne, come un rubinetto gocciolante o bambini che giocano fuori, o interni, come l’ansia o anche solo chiedere cosa c’è per cena.

Uno spazio di lavoro cognitivo più piccolo significa che le funzioni di memoria di lavoro – trattenere le informazioni, richiamare le istruzioni o seguire le attività che richiedono pianificazione – sono più difficili da eseguire. Meno spazio significa che è più probabile che le cose si perdano durante il percorso.

Una delle sfide che i bambini con problemi di memoria di lavoro devono affrontare, è che i loro errori possono essere interpretati erroneamente come cattivi comportamenti. Quando non riescono a seguire una serie di istruzioni sembrano essere demotivati o addirittura oppositivi e possono portare a conflitti con insegnanti e genitori e essere accusati di non provarci abbastanza. I bambini odiano dover ammettere che non riescono a ricordare le cose e tendono a cercare di minimizzare la quantità di sforzo che mettono in cose che non producono risultati positivi. E le critiche che ottengono a loro volta sono un disincentivo per loro di spendere l’energia extra che serve per tenere traccia di ciò che ci si aspetta da loro.

Come aiutare i bambini con problemi di memoria di lavoro

Ci sono cose che i genitori possono fare e strategie che i bambini possono imparare e che possono aiutarli ad avere successo, anche se non sono in grado di farlo automaticamente. 

Conosci i limiti di tuo figlio
Se hai dato a tuo figlio ciò che sembra una serie ragionevole di istruzioni, ma continua a non riuscire, è un buon segno che ha raggiunto i limiti della sua memoria di lavoro. Sintonizzarsi su quando – e con quale frequenza – inizia a perdere il filo ti aiuterà a ottenere un’immagine più chiara della capacità del bambino di conservare le informazioni. Una volta che sai dove si trovano i suoi limiti, sarai in grado di usarlo come guida per dare indicazioni efficaci.

Ad esempio, se noti che tuo figlio ha difficoltà a seguire le indicazioni in più passaggi, prova a suddividere le attività in passaggi più piccoli e più gestibili:

Non fare: dare una serie di istruzioni, come “Vai a mettere via i tuoi giocattoli, poi rimetti la moto in garage, lavati le mani e fai sapere a tua sorella che è ora di cena.”
Fare: prova a concentrarti su un’attività alla volta: “Ci stiamo preparando per cenare presto. È ora di mettere via i tuoi giocattoli. Quando hai finito, fammi sapere e ti dirò cosa fare dopo. “

Scomponi
Un lavoro scolastico che sembra semplice in superficie può richiedere in realtà molta memoria di lavoro. Con i bambini che cercano di affrontare troppo cose alla volta, spesso il risultato sono lavori sciatti – o incompiuti – e  ansia. Scomporre in micro-attività aiuterà te e tuo figlio a suddividere il compito in parti gestibili.

Ad esempio, se tuo figlio sta scrivendo un saggio, usa la sua memoria di lavoro per richiamare informazioni importanti, generare e organizzare idee, usare la corretta ortografia e grammatica e persino assicurarsi che la sua scrittura sia leggibile. Cercare di pensare a tutto in una volta può ingombrare il suo bloc-notes mentale. Invece incoraggialo ad affrontare un compito alla volta:

  • Genera e scrivi idee importanti
  • Esamina le informazioni ed elabora una tesi
  • Delinea la struttura
  • Scrivi una bozza approssimativa (non preoccuparti di ortografia o punteggiatura)
  • Modifica e ripulisci
  • Interrompi i compiti a casa o le sessioni di studio in blocchi gestibili in modo da evitare il sovraccarico cognitivo, lavorare in modo più efficace e sviluppare buone abitudini di studio.

 

Crea routine
Aiutare i bambini a entrare nella routine è essenziale per aiutarli con la memoria di lavoro. Le routine sono l’obiettivo. Quando siamo in grado di automatizzare un’attività, non è più necessario che funzioni la memoria di lavoro. Ricordare cosa fare dopo occupa un’area di lavoro cognitiva. Ecco alcuni suggerimenti per la creazione di routine:

Essere coerenti: le routine dovrebbero essere proprio questo – routine. Trova un modello che funzioni e seguilo.
Sii paziente: ci vuole tempo per costruire abitudini efficaci e le distrazioni accadono. Non aspettarti che i bambini capiscano subito. Offrire promemoria e lodare gli sforzi di tuo figlio lo aiuterà a seguire la routine.
Usa segnali verbali e visivi: aiuta i bambini a interiorizzare le routine aggiungendo segnali verbali e visivi.
Ad esempio, gli indizi visivi potrebbero essere: Disegnare un’immagine per illustrare come è strutturato un tema, scrivere l’ordine dei passaggi per un problema di matematica, usare note post-it come promemoria intorno alla casa.
I segnali verbali potrebbero variare dal dire ad alta voce ogni compito prima che lo faccia, “Passaggio 3, mettere i compiti nel mio zaino per domani …” al creare una canzone o poesia per aiutarlo a inviare importanti informazioni, come formule matematiche comunemente usate – alla memoria a lungo termine.

Esternalizzare
Non tutto deve essere ricordato. Strumenti come liste di cose da fare, organizzatori e promemoria liberano spazio vitale e rendono più facile per i bambini ricordare informazioni importanti. L’esternalizzazione delle attività organizzative diminuisce la necessità di memoria di lavoro. Si può incoraggiare studenti e figli a scrivere tutto – incarichi, idee, tutto ciò che vogliono ricordare in seguito.

Ma ricorda, gli strumenti organizzativi funzionano solo se vengono utilizzati. Aiuta tuo figlio a trovare gli strumenti che funzionano per lui e rendi gli strumenti parte della sua routine.

I bambini spesso credono davvero che ricorderanno le informazioni in seguito, quindi non le annoteranno. Poi più tardi, quando non riescono a ricordare tutte le cose di cui hanno bisogno per finire il compito a casa, sono frustrati e imbarazzati. Ma il giorno dopo succede di nuovo la stessa cosa. Sono sicuri di poter ricordare cosa devono fare – fino a quando non possono.

Aiuta il tuo bambino a prendere l’abitudine di scrivere informazioni importanti – compiti a casa, date per i viaggi di lavoro, la sua brillante idea per costruire il miglior robot di sempre – subito, anche se pensa che sarà in grado di ricordarlo.

Farmaci
I farmaci che migliorano l’attenzione possono aiutare nella memoria di lavoro. I farmaci ADHD non trattano problemi di memoria di lavoro, ma riducono la distrazione e aumentano l’attenzione, il che rende più facile per i bambini accedere alla memoria di lavoro. È essenziale fornire indicazioni chiare e istruzioni gestibili.

Gaming
I ricercatori stanno studiando se metodi come l’allenamento del cervello possono effettivamente migliorare le capacità di memoria di lavoro. Man mano che la ricerca si espande, potremmo imparare di più sull’efficacia di queste strategie, ma al momento i benefici a lungo termine non sono chiari. Giochi per computer, app e giochi di memoria possono essere usati insieme ad altre strategie, ma è importante anche fare riferimento a supporti professionali.

Concludendo… Per ora il modo migliore per aiutare i bambini con problemi di memoria è concentrarsi sulla creazione e sulla pratica di strategie di coping sane ed efficaci. La creazione di routine, l’uso di strumenti e l’offerta di supporto aiuteranno il tuo bambino a sviluppare strategie che sarà in grado di utilizzare per il resto della sua vita.

Fallo sapere in giro

Da non perdere