Cosa facciamo?

Osservazione e diagnosi

Quando è necessario riconoscere il significato di segni che si presentano con una certa regolarità e sembrano indicare un’evoluzione non caratteristica di una certa funzione psicologica (ad es. l’apprendimento e/o il comportamento) o dell’assetto generale della personalità, si profila la necessità di approfondire questi indizi, ricercando un’eventuale diagnosi. A volte è possibile ricondurre questi cattivi funzionamenti a disagi (dei quali si conoscono i modi di manifestarsi e gli esiti) stabiliti da codici diagnostici, a volte invece, i sintomi presentati non sono ancora tali da essere tipici di un determinato quadro diagnostico. L’attribuire una diagnosi, o il ricercare un significato a dei sintomi, rende necessaria un’osservazione degli aspetti della personalità per i quali i genitori chiedono chiarimenti. Quasi sempre la richiesta di un’osservazione è il seguito di una consultazione.

La modalità utilizzata c/o il Centro POP per l’osservazione e la diagnosi è la seguente:

  1. In uno o due colloqui si approfondiscono con i genitori i motivi della loro richiesta, si raccolgono informazioni sui sintomi da capire, sull’ambiente di vita del figlio (famiglia e/o scuola), si valutano eventuali documentazioni fornite a questo riguardo (possibili osservazioni precedenti, documenti clinici di varie provenienze), si raccoglie un’accurata anamnesi, si stabilisce in quale modo accogliere il figlio per l’osservazione;
  2. In quattro/cinque sedute (di circa un’ora l’una), tramite colloqui con il bambino, (o ragazzo, o adolescente) e l’uso dei test adeguati a valutare determinate funzioni, si procede ad una valutazione approfondita per cogliere il significato dei sintomi raccontati dai genitori;
  3. In un successivo incontro con i genitori vengono riferite le conclusioni diagnostiche, ma soprattutto vengono fornite e discusse le possibili risposte agli interrogativi da loro espressi ed indicati i rimedi a quanto è stato possibile osservare e/o diagnosticare. Nel caso si tratti dell’osservazione di un adolescente, le conclusioni vengono spesso fornite anche a lui.

 

I rimedi che vengono suggeriti più frequentemente per i bambini (o ragazzi o adolescenti) sono i seguenti:

  • consigli generali di tipo psicoeducativo da realizzare in famiglia e/o a scuola
  • miglior organizzazione del tempo libero per ottimizzare la qualità della vita
  • un counseling psicoeducativo per i genitori
  • intervento psicoterapico
  • intervento psicomotorio
  • intervento logopedico
  • intervento per incremento di abilità cognitive
  • intervento per abilità scolastiche

 

Alcuni di questi interventi possono essere realizzati c/o il Centro POP, ma qualora non fosse possibile fornirli qui, vengono segnalate ai genitori altre possibili sedi dove vengono effettuati. Quando è necessaria, si propone una riosservazione a distanza di tempo da stabilire di caso in caso.

E’ prassi consolidata del nostro Centro fornire sempre alle famiglie un dettagliato resoconto scritto di quanto osservato.

Fallo sapere in giro

Schermata 2016-02-24 alle 21.53.22

Filippo Martellacci

Psicologo Psicoterapeuta

vedi profilo
Schermata 2016-02-24 alle 21.55.39

Arianna Tozzi

Psicologa Psicoterapeuta

vedi profilo
Valeria_Costanzo2

Valeria Costanzo

Psicologa Psicoterapeuta

vedi profilo